Il forum del teatro

Il primo forum interamente dedicato al teatro


Non sei connesso Connettiti o registrati

LABORATORIO di SCRITTURA CREATIVA Teatri Possibili con Roberto Traverso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Spesso si pensa che il lavoro dell'attore si limiti allo studio e all'interpretazione di un testo dato.
Ma per far sì che la propria presenza in scena sia totale e non una semplice narrazione del testo, l'attore deve fare di più.
Deve appropriarsi delle parole, attingere dal proprio vissuto e dal proprio mondo immaginativo per fare proprio il testo e renderlo vivo.

Esattamente come uno scrittore, egli ricostruisce la trama, le motivazioni, i rapporti tra i personaggi, i caratteri e i principali punti di svolta drammaturgici approdando a quella che in gergo teatrale è detta "scrittura scenica".

Questo è ciò che distingue un attore dall'attore creativo.
Strumento principe di questo percorso creativo, condotto da un importante e talentuoso regista e drammaturgo quale Roberto Traverso, sarà l'improvvisazione.
Non pensata soltanto per gli attori, ma anche per tutti gli aspiranti scrittori che troveranno nell'improvvisazione un metodo valido ed efficace per costruire un personaggio e una storia attingendo dalla profondità del proprio mondo interiore.

L'ATTORE CREATIVO
Autore e Attore... Due facce della stessa medaglia
Laboratorio di scrittura creativa per attori
docente: Roberto Traverso

http://www.teatripossibili.it/i/it/la-scuola-teatro/laboratori-permanenti/attore-creativo.html



INSEGNANTE: Roberto Traverso
DURATA DEL LABORATORIO: da dicembre a febbraio
INIZIO: 5 dicembre
GIORNO E ORARIO: mercoledì dalle 19.30 alle 22.30 più un weekend intensivo il 16 e 17 febbraio
COSTO:in rata unica € 390; in due rate € 210 (10 € di quota di iscrizione)
ISCRIZONI: aperte
E' prevista una performance-spettacolo a conclusione del progetto.

Il lavoro dell'autore è complementare a quello dell'attore.
I loro percorsi creativi hanno lo stesso obiettivo: la messa in scena del testo.
L'autore si pone l'obiettivo di raccontare, attraverso una struttura drammatica e dei personaggi una storia, così l'attore si pone l'obiettivo di far rivivere i personaggi all'interno della griglia fatta di azioni/reazioni e battute scritte dall'autore che come un destino lo determina.
Nella drammaturgia l'autore descrive gli ambienti, definisce i caratteri, le azioni, ma non solo, dietro alla vicenda e alle caratterizzazioni dei personaggi vengono rappresentate delle idee e una visione del mondo, spesso nascoste nelle pieghe delle parole.
Ma anche l'attore, nell'ambito del suo ruolo, deve inventare i modi espressivi affinché tutto quanto nascosto nel testo venga consegnato al pubblico e attraverso le azioni e le parole dei personaggi evocare il loro mondo interiore.
Questo lavoro, sia quello dell'autore quando scrive, sia quello dell'attore quando improvvisa segue le medesime regole della creatività.

Queto laboratorio si pone l'obiettivo di rendere consapevole l'attore di queste regolemettendo al centro del lavoro LA DRAMMATURGIA e concentrandosi sui meccanismi dell'IMPROVVISAZIONE indirizzati alla scrittura scenica. Ci porremo delle domande che via via ci porteranno ad altre domande con l'obiettivo di approfondire le ragioni e le motivazione dell'autore e come queste possano essere rappresentate.
Qual è la vita delle parole? Qual è il loro suono, il ritmo, il colore? Qual è il potereevocativo delle parole? Come le parole possono essere azione?
Si partirà dalle regole che sono alla base del lavoro dell'attore, l'improvvisazione, per stabilire l'A B C della drammaturgia che l'attore deve conoscere per trovare i punti di conflitto nella storia, l'avvenimento principale, le svolte, il sottotesto, la rivelazione finale.
In questo modo l'attore imparerà a diventare consapevole dei meccanismi di 'scrittura scenica' in modo che la sua presenza sulla scena sia totale e non una semplice narrazione del testo.
Ma faremo di più, assegneremo all'attore creativo il ruolo di 'autore' dandogli l'intera responsabilità del destino del personaggio.
Seguendo le stesse regole della creatività dello scrittore si partirà da un 'pretesto' - come ad esempio il 'binomio fantastico' di Rodari (due parole scelte a caso sul dizionario) - per costruire un personaggio e una storia da raccontare con gli strumenti del teatro.
Il mestiere dell'attore è un atto creativo che necessita di una grande consapevolezza, è a questa consapevolezza che l'autore si affida per il completamento della sua opera.

PER INFO:
Scuola Teatri Possibili - via Savona 10 Milano
milano@teatripossibili.org / 028323182
www.teatripossibili.it

Vedi il profilo dell'utente http://www.teatripossibili.it

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum